Il laboratorio territoriale è impostato su tre livelli:

  • Il primo di base con attività trasversali collegate a tutti i settori produttivi;
  • Il secondo avanzato e di vocazione, con attività specialistiche più mirate;
  • Il terzo diffuso per aprire L.T. alla popolazione del territorio.

Il livello di base è trasversale ai vari cicli e indirizzi scolastici, con proposte adatte agli specifici settori sociali e anagrafici dei soggetti in formazione (studenti, inoccupati, cittadini, gruppi sociali, ecc.). Gli interventi saranno orientati all’innovazione e basati sulla risoluzione di problemi pratici, per sviluppare conoscenze e competenze di innovazione e creatività, propensione al cambiamento e al saper fare sulle aree di sviluppo industriale del territorio.